Month: January 2014

Internet Explorer…

Solo chi è costretto a sviluppare siti web compatibili con Internet Explorer può effettivamente capire il problema. Chi lo usa non vede altro che la cima dell’iceberg…

1016454_659871977403749_269549379_n

 

 

Renzi plays PD

A tutti quelli che adesso guardano inorriditi, affranti o preoccupati l’operato di Renzi, ricordo che è solo del PD che si sta parlando.

Comprendo che vedere una persona distinta, ben educata come Cuperlo venire preso a sberle da un ragazzetto cicciottello e maleducato possa far storcere il naso alle persone più sensibili, ma non dimentichiamoci che Renzi è lì proprio perché chi l’ha votato di quella gente si è stufato.

Alla base PD che per anni ha creduto ai vari D’Alema, Finocchiaro, Bersani, Fassina, Franceschini ammazzandosi di lavoro volontario mentre i suddetti acquisivano benessere e prestigio va tutta la mia solidarietà ma d’altra parte come sovente accade i sogni finiscono e il risveglio è quasi sempre brusco (se vi può consolare non mi aspetto che M5S faccia una fine migliore).

Renzi distruggerà il PD e facendolo probabilmente umilierà tutti i dinosauri che per anni avrebbero potuto fare ma non hanno fatto (conflitto d’interesse, scudo fiscale, larghe intese, mancata riforma sulla legge elettorale, grandi opere inutili…).

Tutto sommato dall’esterno è uno spettacolo divertente.

Matteo Renzi

Ho appena realizzato che Matteo Renzi è probabilmente il miglior piazzamento che la mia generazione è riuscita a fare nella classe politica italiana. Sono depresso…

Votazione/i online del MoVimento 5 Stelle.

La base ha votato (e io con loro). Su 80.383 aventi diritto (io ottimisticamente ne stimavo 100.000) si sono espressi in 24.932.

Parecchi sostenitori esultano perché “così deve essere”, quando ci sono da prendere decisioni la base viene consultata.

Penso che non sia una coincidenza che la base sia stata consultata proprio solo su questa faccenda che rischia di far avere al M5S alle prossime elezioni numeri da prefisso telefonico (cit.).

Penso anche che questo non dovrebbe essere un evento eccezionale ma la prassi, visto che così Grillo ha sempre venduto il normale iter decisionale del M5S. Tra l’altro non ho ancora capito da dove sono saltati fuori i “7 punti per l’Europa”.

Penso anche che a 5000 utenti verificati al mese gli stimati 8 milioni e mezzo di sostenitori /elettori saranno tutti pronti a votare online tra un secolo circa.

Penso che prima o poi chi come me ha iniziato a seguire e apprezzare questo progetto politico proprio per la possibilità di avere una “piattaforma” con cui dialogare e proporre, presto o tardi aprirà gli occhi e mollerà (come mi son rassegnato a fare io).

Peccato.

Votazione online sul reato di clandestinità

Questa mattina si sono aperte le votazioni online con le quali si chiede agli iscritti certificati (fino al 30/06/2013) di esprimersi in merito a come il gruppo del senato dovrà votare in merito all’abrogazione del reato di clandestinità. Per le quirinarie avevano diritto al voto circa 50000 utenti (iscritti certificati al 31/12/2013), secondo i miei calcoli (ma potrei sbagliare) si riescono ad iscrivere e certificare circa 5000 utenti al mese, quindi grosso modo per questa votazione gli aventi diritto potrebbero essere circa 100000 o qualcosa di più.

Sarà un interessante test per capire la vera anima del MoVimento 5 Stelle in materia.